Alimentazione/Salute e Medicina

L’esercizio fisico aiuta il sistema immunitario a proteggerci dal cancro

A cura del Dottor Mercola – traduzione Catia Pistore

Se siete come la maggior parte delle persone, quando si pensa di ridurre il rischio di cancro, l’esercizio fisico probabilmente non è in cima alla vostra lista. Tuttavia, vi sono prove convincenti che l’esercizio fisico non solo contribuisce a ridurre drasticamente il rischio di tumore, ma può anche aiutare i malati di cancro a guarire prima, ed inoltre aiuta a prevenire le recidive del cancro.
Inoltre, le ricerche dimostrano che può contribuire a minimizzare gli effetti collaterali delle cure convenzionali.
Uno studio preliminare presentato al meeting di Biologia Integrativa dell’Esercizio VI svoltosi a metà ottobre aiuta a far luce sul perché l’esercizio fisico è così efficace per ridurre il rischio di tumori secondari nei sopravvissuti, o perché può diminuire il rischio di ammalarsi di cancro, in primo luogo.

L’esercizio fisico migliora la “Sorveglianza del cancro” del tuo sistema immunitario
Sedici sopravvissuti al cancro che aimagesvevano appena terminato la chemioterapia hanno partecipato ad un programma studio di fitness della durata di 3 mesi. Il programma di fitness, che è stato ideato su misura per ogni individuo, includeva:

·        Allenamento allo sforzo

·        Allenamento alla resistenza

·        Esercizio cardiovascolare

·        Esercizi per la flessibilità, l’equilibrio e la postura

I ricercatori hanno esaminato le cellule immunitarie nel sangue dei partecipanti prima e dopo il completamento del programma di 12 settimane, e l’analisi ha dimostrato che una gran parte delle cellule T sono state modificate in una forma più efficace per combattere le malattie, chiamate cellule T “naive”.

Come riportato da Medical News Today²:
“[Capo Ricercatore] Bilek ha spiegato, ‘Quello che stiamo suggerendo è che con l’esercizio fisico, si potrebbe sbarazzarsi di cellule T che non sono utili e fare spazio per le cellule T che potrebbero essere utili.’
Questa ricerca è importante perché non solo sottolinea i vantaggi di esercizio per i malati di cancro e i sopravvissuti al cancro, ma dimostra anche i vantaggi per gli individui sani. Tuttavia, l’ampliamento della ‘sorveglianza del cancro’, o la potenza del sistema immunitario per fermare tumori emergenti, è particolarmente utile per coloro che lottano con il cancro, o che sono appena venuti fuori.
Bilek conclude dicendo: Sono moltissimi i benefici positivi dall’esercizio fisico. Se infatti l’esercizio rinforza il ​​sistema immunitario e migliora potenzialmente la sorveglianza del cancro, sono cose per le quali dovremmo educare i pazienti, come le ragioni per cui dovrebbero pianificare un’attività fisica regolare durante la loro giornata e farne una priorità nella loro vita “.

L’esercizio come una droga
corsa
Oltre ad alterare le cellule del sistema immunitario, in una forma più potente per resistere meglio alle malattie, migliorando la circolazione delle cellule immunitarie nel sangue, un altro modo in cui l’esercizio riduce il rischio di cancro è quello di ridurre i livelli di insulina.
Si crea un ambiente a basso livello di zucchero che scoraggia la crescita e la diffusione delle cellule tumorali. E’ stato anche suggerito che l’apoptosi (morte cellulare programmata) viene innescata dall’esercizio fisico, e questo causa la morte delle cellule tumorali.

Il trucco, però, è capire come utilizzare l’esercizio come uno strumento preciso. Mi piace suggerire di osservare quest’ultimo come una “droga” che deve essere prescritta con attenzione per raggiungere il suo massimo beneficio. Questo garantisce che stai ricevendo abbastanza per ottenere il beneficio, non troppo da causare lesioni, e la varietà corretta per bilanciare l’intera struttura fisica e mantenere la forza, la flessibilità, e la forma fisica aerobica e anaerobica.
Idealmente, i medici prescriverebbero l’esercizio in “dosi” ed “intervalli” specifici. Per farlo correttamente, sarebbe saggio che gli oncologi coltivassero dei rapporti con dei personal trainers, e prescrivere sessioni di formazione per i loro pazienti. Se avete il cancro, io consiglierei vivamente di confrontarsi con il proprio oncologo e/o, lavorare con un professionista qualificato di fitness che può aiutarti ad ideare un regime sicuro ed efficace.

Purtroppo, molte linee guida di salute pubblica, si concentrano tuttora solamente sugli aspetti di esercizio aerobico, e questa attenzione esclusiva può portare a squilibri che possono effettivamente impedire una salute ottimale.
E’ importante includere una grande varietà di tecniche di esercizio nella vostra routine, come allenamento per la forza, aerobica, rafforzamento della muscolatura e stretching. Più importante di tutto, però, è quello di assicurarsi di includere allenamento a raffica ad alta intensità, una o due volte alla settimana, in cui si alza la frequenza cardiaca fino alla vostra soglia anaerobica per 20 a 30 secondi, e poi si recupera per 90 secondi. Questi esercizi possono aumentare la produzione naturale del ormone della crescita.

Prove convincenti a sostegno del Esercizio a scopo preventivo del cancro
Immagine
Nel 1980 l’idea che l’esercizio fisico può aiutare a prevenire il cancro ha iniziato a ricevere la dovuta attenzione. Secondo uno studio pubblicato 12 anni fa sul British Medical Journal, che ha sondato la relazione tra attività fisica e cancro, l’esercizio si ripercuote su diverse funzioni biologiche che possono direttamente influenzare il rischio di cancro.
Questi effetti includono le trasformazioni di:

 

 

Capacità cardiovascolare Equilibrio energetico
Capacità polmonari Funzioni immunitarie
Motilità intestinale Difese antiossidanti
Livelli ormonali Riparazione del DNA

Nel 2003, un articolo sulla rivista Medicine & Science in Sports & Exercise ha riferito che “più di un centinaio di studi epidemiologici sul ruolo dell’attività fisica e la prevenzione del cancro sono stati pubblicati“. Gli autori hanno osservato che:
“I dati sono chiari nel mostrare che gli uomini e le donne fisicamente attivi hanno una riduzione del 30-40% del rischio di sviluppare il cancro al colon, rispetto a persone non attive … Per quanto riguarda il cancro al seno, ci sono prove abbastanza chiare che le donne fisicamente attive hanno una riduzione del 20-30% del rischio, rispetto alle donne inattive. Sembra anche che 30-60 minuti al giorno di moderata intensità di attività fisica è necessaria per diminuire il rischio di cancro al seno”.

Gruppi per la “lotta al cancro” propongono l’esercizio fisico come parte integrante della cura standard
mengroup
Sempre più gruppi per la lotta al cancro hanno iniziato a prendere in seria considerazione l’esercizio fisico. Ad esempio, un recente rapporto pubblicato dal organizzazione British Macmillan Cancer Support⁵ sostiene che l’esercizio fisico dovrebbe essere una parte della cura standard del cancro. Secondo lo studio tutti i pazienti sottoposti a trattamento di cura per il cancro dovrebbero essere caldamente raccomandati ad impegnarsi in una moderata intensità di esercizio per due ore e mezza ogni settimana, affermando che il consiglio di riposare e prendersela con calma dopo il trattamento è una concezione superata.

L’organizzazione offre un sacco di informazioni utili sui vantaggi dell’esercizio fisico per i malati di cancro sul loro sito web, e ha anche una serie di video sul tema, disponibile sul loro canale YouTube 6
Secondo Ciaran Devane, amministratore delegato della Macmillan Cancer Support:7“I malati di cancro sarebbero scioccati se sapessero quanti benefici un’attività fisica potrebbe avere sul loro recupero e la salute a lungo termine, in alcuni casi, può ridurre le loro possibilità di dover passare attraverso il calvario estenuante di un trattamento tutto da capo …”

Infatti, la riduzione del rischio di recidiva è abbastanza impressionante. Precedenti ricerche hanno dimostrato che i pazienti con cancro al seno e al colon che esercitano regolarmente attività fisica hanno la metà del tasso di recidiva rispetto ai pazienti che non fanno attività fisica.⁸
Il Macmillan Cancer Support rileva inoltre che l’esercizio fisico può aiutare a ridurre alcuni degli effetti collaterali del trattamento del cancro convenzionale, compresi:

Riduce la spossatezza e migliora i livelli di energia Gestione dello stress, ansia, malumore o depressione Miglioramento della salute delle ossa
Migliora la salute del cuore (Alcuni farmaci chemioterapici e la radioterapia possono causare problemi al cuore in età avanzata) Migliorare la forza muscolare, alleviare il dolore e migliorare l’ampiezza dei movimenti Mantenere un peso sano
Migliora il sonno Migliora l’appetito Prevenire la stipsi

Suggerimenti per l’esercizio per i pazienti oncologici
graphicConsiglio vivamente di consultare il mio programma di fitness, che comprende esercizi ad alta intensità in grado di ridurre il tempo di esercizio, mentre in realtà migliora le vostre prestazioni.
Ora, se avete il cancro o qualsiasi altra malattia cronica, avrete sicuramente bisogno di personalizzare il vostro esercizio di routine per la vostra situazione personale, prendendo in considerazione il vostro livello di forma fisica e di salute attuale. Spesso, si sarà in grado di prendere parte a un programma di esercizio fisico regolare – che coinvolge una varietà di esercizi come allenamento per la forza, rafforzamento muscolare, stretching, aerobica e anaerobica – con piccoli cambiamenti ove e se necessari. Tuttavia, a volte può succedere di aver bisogno di allenamento a bassa intensità, o per brevi durate.

Bisogna sempre ascoltare il proprio corpo e se si sente il bisogno di una pausa, si deve prendere del tempo per riposare.
Ricordiamo che l’esercizio per pochi minuti al giorno è meglio che non esercitare affatto, ed è probabile che le tua resistenza aumenti e sarete in grado di completare allenamenti più impegnativi ogni giorno. Nel caso in cui si è affetti da un sistema immunitario molto indebolito, si consiglia di esercitare a casa invece di visitare una palestra pubblica. Ma ricordate che l’esercizio in ultima analisi, contribuisce a rafforzare il sistema immunitario, quindi è molto importante continuare con il programma, anche se si soffre di malattie croniche o di cancro

Detto questo, se il vostro corpo non vi permetterà di esercitare, a causa di dolore o peggioramento della malattia di base, allora non avete altra scelta pratica, ma onorare i segnali del vostro corpo ed esercitare di meno. Anche se il vostro corpo ha disperatamente bisogno di migliorare con l’esercizio, avrete solo dei peggioramenti se vengono violati i vostri limiti attuali.

Anche l’assunzione di proteine è fondamentale per tumori
meatRecentemente ho intervistato il dottor Ron Rosedale per quasi quindici ore e spero di mettere online questi articoli al più presto. E’ uno dei primi medici negli Stati Uniti che ha iniziato a misurare i livelli di leptina clinicamente, e quindi tra i più preparati in tema. La nostra intervista, mi ha aiutato a capire la grande importanza che l’assunzione eccessiva di proteine può avere sulla crescita del cancro.
Il percorso mTOR è l’abbreviazione di bersaglio della rapamicina nei mammiferi (è una proteina che regola la crescita, la proliferazione, la motilità e la sopravvivenza delle cellule).
Questa via non è recente, ma apprezzata e conosciuta solo in tempi relativamente recenti, comunque da meno di 20 anni. Le probabilità che il vostro medico ne sia a conoscenza dalla scuola di medicina, oppure che ne abbia sentito parlare, sono davvero basse.
Molti nuovi farmaci antitumorali sono mirati ad inibire questa proteina (mTOR). Ma non c’è bisogno di usare farmaci per far sì che questo funzioni per voi.
È possibile ottenere questo nel vostro corpo, semplicemente limitando l’apporto proteico (origine animale) e sostituendo la diminuzione delle proteine con grassi sani, questo fornirà prestazioni praticamente identiche, in quanto questi farmaci sono pericolosi e costosi.

Un eccessivo consumo di proteine può essere un potente meccanismo sinergico aggiuntivo.
Dr. Rosedale ritiene che quando si consumano proteine ​​di livelli superiori ad un grammo di proteine ​​per chilogrammo di massa magra del proprio corpo, è possibile attivare il percorso mTOR, che radicalmente aumenterà il rischio di tumori. E’ molto facile consumare proteine ​​in eccesso e la mia ipotesi è che la maggior parte delle persone che leggono questo articolo, eccedono. Io di sicuro lo facevo, e come risultato di questa mia nuova visione, ho ridotto il mio apporto proteico di circa la metà.
Per determinare la massa magra, dovete trovare la percentuale di grasso corporeo e sottrarlo da 100. Quindi, se hai 20% di grasso corporeo avrai 80% di massa magra. Basta moltiplicare questo per il tuo peso attuale per ottenere la massa corporea magra. Per molte persone questo significa limitare l’assunzione di proteine ​​35-75 grammi. Le donne incinte e coloro che fanno intenso allenamento corporeo necessitano ​circa il 25% di proteine in più però.

Naturalmente, quando si riducono le proteine ​​è necessario sostituirle con altre calorie, per cui la chiave è quello di sostituire le calorie perse con grassi di alta qualità, grassi come avocado, burro, olio di cocco, olive, olio d’oliva, noci e uova.
E’ anche molto utile evitare di mangiare qualsiasi cosa almeno tre ore prima di andare a letto in quanto ciò consente di avere zuccheri nel sangue relativamente bassi mentre si dorme. Questo è un altro buon trucco per spostare il vostro corpo in modalità di combustione dei grassi.

In seguito alla grossa quantità di carboidrati che consumiamo, ci troviamo quasi tutti principalmente nello stato di bruciare questi carboidrati. La bellezza di spostare il nostro corpo nello stato di bruciare i grassi è che praticamente viene eliminata la sensazione di fame. Il digiuno intermittente è uno dei sistemi che ci aiutano a raggiungere questa condizione, ma anche l’eliminazione totale dei carboidrati non vegetali è fondamentale.
L’olio di cocco è utile per passare allo stato di bruciare i grassi in quanto i propri grassi a “catena medio-corta” vengono trasformati velocemente e possono essere utilizzati come fonte energetica.  Una fonte energetica necessaria per affrontare il calo di energia e tutte le altre sfide fisiche che potresti incontrare durante le settimane che servono solitamente per passare allo stato di bruciare i grassi.

La prevenzione del cancro inizia con il cambio di stile di vita
vegan
Mentre l’esercizio è un aspetto importante della prevenzione e cura del cancro, non è certamente l’unico. Credo che la stragrande maggioranza di tutti i tumori può essere prevenuto applicando rigorosamente le raccomandazioni di stile di vita sano come dai suggerimenti che seguono:

– Evitare lo zucchero, specialmente fruttosio. Tutte le forme di zucchero sono dannose per la salute in generale e favoriscono il cancro. Fruttosio, tuttavia, è chiaramente uno dei più dannosi e deve essere evitato il più possibile.

– Ottimizzate la vostra vitamina D. La vitamina D influenza praticamente ogni cellula del vostro corpo ed è uno dei combattenti più potenti della natura per il cancro. La vitamina D è effettivamente in grado di entrare nelle cellule tumorali e scatenare l’apoptosi (morte cellulare). Se avete il cancro, il vostro livello di vitamina D dovrebbe essere compreso tra 70 e 100 ng/ml. Vitamina D lavora in sinergia con tutti i trattamenti del cancro di cui sono a conoscenza, senza effetti collaterali negativi.

– Limitate il consumo di proteine. Una ricerca recente ha sottolineato l’importanza delle vie mTOR. Quando questi sono attivi, la crescita del tumore viene accelerata. Il modo migliore è quello di limitare le proteine da un grammo di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo (massa magra), a un po’ meno di mezzo grammo di proteine ​​per ogni chilo di peso corporeo. Per molte persone questo è compreso tra 40 e 70 grammi di proteine ​​al giorno, che è circa 2/3 alla metà di quello che sono attualmente consumano.

– Evitare i prodotti di soia fermentati. La soia contiene molti estrogeni vegetali detti fitoestrogeni, noti come isoflavoni. In alcuni studi, la soia sembra funzionare in simbiosi con gli estrogeni umani per aumentare la proliferazione delle cellule del seno, che aumenta le possibilità di mutazioni e le cellule cancerose.

– Migliorare l’insulina e la sensibilità dei recettori della leptina. Il modo migliore per farlo è quello di evitare lo zucchero e cereali raffinati, limitando i carboidrati alle verdure per lo più ricche di fibre. Inoltre assicurarsi di fare attività fisica.

– Mantenere un peso corporeo sano. Questo verrà naturalmente quando si inizia a mangiare il giusto e con l’esercizio. E’ importante per perdere il grasso corporeo in eccesso perché il grasso produce estrogeni

– Bere mezzo litro di succo di verdura verde biologica al giorno.

– Ottenere abbondanti quantità di grassi animali di omega3 di altissima qualità come l’olio di krill. La carenza di Omega-3 è una delle cause scatenanti del cancro.

– Curcumina. Questo è l’ingrediente attivo nella curcuma e in concentrazioni elevate può essere un contributo molto utile nel trattamento del cancro.  Per esempio, ha dimostrato  grande potenziale terapeutico nella prevenzione del cancro al seno in metastasi⁹.

–  Evitare di bere alcol, o almeno limitare le bevande alcoliche a una al giorno.

– Evitare campi elettromagnetici per quanto possibile. Anche le coperte elettriche possono aumentare il rischio di cancro.

– Evitare la terapia ormonale sostitutiva (TOS), specialmente se si hanno fattori di rischio per il cancro al seno. Il cancro al seno è un cancro estrogeno-correlati, secondo uno studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute, i tassi di cancro al seno per le donne è sceso con la riduzione dell’uso della terapia ormonale sostitutiva. (Ci sono rischi simili per le donne più giovani che fanno uso di contraccettivi orali. Pillole anticoncezionali che contengono ormoni sintetici, sono collegati a tumore al seno e alla cervicale)

– Evitare BPA, ftalati e altri xenoestrogeni. Questi sono composti estrogeno-simili che sono stati collegati ad aumentato rischio di cancro al seno

– Assicurarsi di non avere carenze di iodio, in quanto ci sono delle convincenti correlazioni tra carenza di iodio e alcune forme di cancro. Dr. David Brownstein10, autore del libro Iodio: Perché ne hai bisogno, Perché non si può vivere senza di essa, è un sostenitore di iodio per il cancro al seno. In realtà ha potenti proprietà antitumorali ed è stato dimostrato di causare la morte cellulare in cellule di cancro al seno e tiroide.

– Evitate di carbonizzare le carni. La carne alla griglia è legata ad un aumentato del rischio di cancro al seno. È stato scoperto che l’acrilamide è un cancerogeno che si forma quando i farinacei vengono cotti al forno, arrostiti oppure fritti.

Fonte: http://www.disinformazione.it

Link: http://www.disinformazione.it/esercizio_cancro.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...