Attualità/Ecologia e Ambiente/Politica/Salute e Medicina/Scienza e Tecnologia

Il Governo italiano risponda in merito alla tecnologia Keshe

I sottoscritti cittadini italiani chiedono al Governo italiano di comunicare ufficialmente il risultato dell’analisi dei documenti riguardanti la tecnologia di M.T.Keshe Lunedi 26 novembre scorso scadeva il termine per la risposta scritta all’interrogazione parlamentare presentata dall’on. Meroni in aula alla Camera che potete leggere qui sotto:

ATTO CAMERA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/18389

presentata da FABIO MERONI
lunedì 5 novembre 2012, seduta n.713
MERONI. –  Al Ministro degli affari esteri.

– Per sapere – premesso che:

da notizie rilanciate sul web si apprende che il 26 ottobre 2012 si sarebbe tenuto a Bruxelles un incontro tra i funzionari dell’ambasciata italiana in Belgio ed il direttore della Fondazione Keshe, M.T. Keshe, che avrebbe consegnato ai rappresentanti diplomatici italiani tutti i brevetti completi della Fondazione Keshe, relativi al progetto di reattore spaziale;

l’incontro tenutosi presso l’ambasciata italiana a Bruxelles sarebbe stato video registrato, ma secondo il protocollo diplomatico non è divulgabile;

dal comunicato reso noto dal direttore della Fondazione Keshe, l’Italia sarebbe il primo Stato in Europa che ha accettato il pieno trasferimento delle tecnologie del programma spaziale della Fondazione, che è stato già reso disponibile gratuitamente all’Iran e alla Sierra Leone e che la Fondazione si propone di diffondere a tutti gli altri Stati che ne siano interessati;

la Keshe Foundation è stata fondata da Mehran Keshe, nato in Iran e laureato in ingegneria nucleare alla University of London. Negli ultimi 40 anni le sue ricerche si sono concentrate sulle dinamiche del plasma caricato elettricamente e utilizzato come fonte di energia e di campi gravitazionali;

la Keshe Foundation è registrata come organizzazione senza scopo di lucro in Olanda ed ha la sua sede permanente a Ninove, in Belgio. Essendo un’organizzazione di ricerca spaziale, il suo obiettivo è stato lo sviluppo di tecnologia ad uso spaziale, come il trasporto, la generazione di energia, i sistemi sanitari e la nutrizione per persone che viaggiano nello spazio;

secondo quanto si apprende dal sito della Fondazione la tecnologia keshe sarebbe suscettibile di molte applicazioni nel campo dell’energia, del trasporto, in ambito ambientale e per la cura di malattie incurabili allo stato delle attuali conoscenze -:

se le notizie relative all’incontro tra i funzionari dell’ambasciata italiana in Belgio ed il direttore della Fondazione Keshe, M.T. Keshe corrispondano al vero e, in caso affermativo, quali siano le valutazioni che hanno indotto il Governo ad acquisire le tecnologie in questione, quali organismi stiano valutando le tecnologie acquisite e quali le possibili applicazioni.

———————————————————-

I CITTADINI SOTTOSCRITTORI SOLLECITANO QUINDI UNA RISPOSTA

Fonte: http://www.activism.com
Link: http://www.activism.com/it_IT/petizione/il-governo-italiano-risponda-in-merito-alla-tecnologia-keshe/40972

Approfondimenti:
http://www.keshefoundation.org/en/
http://transizioneculturale.blogspot.it/2012/10/tecnologia-delling-keshe-verita-o.html
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4144

Annunci

One thought on “Il Governo italiano risponda in merito alla tecnologia Keshe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...